Progetti in Brasile

Ler para crescer

Manaus è una città di circa due milioni di abitanti e trenta chilometri di diametro, posta in una zona dove non avrebbe mai dovuto nascere una città: il cuore della foresta Amazzonica brasiliana. Per arrivarci c’è solo l’aereo che sorvola la foresta più grande del mondo, uno degli ultimi grandi polmoni del pianeta; oppure, più tradizionalmente, il traghetto che impiega più di cinque giorni per fare il percorso tra Belem, la città posta sulla foce del Rio delle Amazzoni e, appunto, Manaus.

foto_tommasoelaine

A Manaus, una giovane coppia italo-brasiliana, Tommaso ed Elaine, piemontese ma di origini lucane lui, ‘manausina’ ma con ascendenze indie e mediorientali lei (già di per sè un crogiuolo di razze diverse essi stessi) sta vivendo da qualche anno una grande avventura umana, solidaristica, missionaria: una casa comunitaria a servizio dei piccoli bambini di strada che in Brasile sono milioni e che anche a Manaus costituiscono una delle più aspre e inaccettabili realtà prodotte dalle ingiustizie umane.

Una casa comunitaria che gioca la carta del riscatto a partire, udite udite, dalla cultura: se vuoi salvare un bambino, mettegli in mano un libro, si un libro! Leggere per crescere! Questo il fortunato slogan che hanno scelto.

PROGETTO IN CORSO

Progetto Ospitalità

per i Bambini di Strada di Manaus

L’inizio

Il contatto di Elaine Elamid insieme ai volontari di Ler para crescer con i bambini di strada di Manaus è iniziato nel 2009. Da due anni questo contatto si è intensificato con una presenza più costante in mezzo a loro.

Tommaso ed Elaine con i bambini

“Stiamo pensando ad un progetto che possa dar loro realmente una opportunità per uscire dalla strada, per cambiare vita. Ultimamente abbiamo cominciato a fare un lavoro di sensibilizzazione e di denuncia sulla loro situazione, cercando collaborazioni in Manaus, per essere più forti ed incisivi. Il Vescovo appoggia il nostro lavoro e ci incoraggia anche con la sua presenza e con la sua firma posta insieme alla nostra nelle richieste ufficiali; anche il Superiore dei Cappuccini, missionari presenti a Manaus, ci ha dato molta disponibilità e mostrato interesse ad appoggiare questa nostra azione a favore di questi piccoli, invisibili agli occhi di tutti.

L’ingiustizia fatta verso di loro ha molte responsabilità; ma noi siamo fiduciosi sulla possibilità di invertire questo loro destino. I nostri sforzi, tempo, lotte sono il credere che non è possibile passare davanti a tutto questo senza aver provato a ridare dignità alla vita di questi piccoli fratelli esclusi”.

 

Il progetto

Il progetto prevede l’ospitalità dei bambini di strada di Manaus, in una struttura dove loro possano ritrovare un ambiente “familiare” che li aiuti al reinserimento nella società, con un percorso scolare, professionale, psicologico e di fede.

La strada è tutto: casa, famiglia, gioco

In questi ultimi 2 anni, l’Istituto Leggere per Crescere ha seguito diversi bambini e adolescenti; oggi sono circa 40 i bambini che si incontrano sotto un ponte nel quartiere San Giorgio nel centro di Manaus, con cui facciamo un lavoro di contatto, vicinanza. Nel mese di Marzo 2012 abbiamo realizzato un corso di fotografia con i bambini e adolescenti presenti sotto il ponte , con l’idea di fare una mostra fotografica di sensibilizzazione. Per il futuro sentiamo il bisogno di fare un passo in più, per riuscire a passare da una “vicinanza” a una “ospitalità” che potrebbe realmente cambiare il loro futuro.

Qui di seguito elenchiamo le principali necessità:

1 – Un furgone per trasportare almeno 9 persone.

2 – Costruzione di quattro stanze nel cortile della casa comunitaria

3 – Costruzione di una tettoia multi-funzionale ( pasti, corsi, attività varie).

Descrizione

Tommaso e il vescovo vanno a far visita ai bambini

1 – Il furgone si rende necessario per fare un lavoro di qualità e quantità con i bambini, con la possibilità di trasportarli in luoghi diversi dal ponte, arrivare in casa per iniziare a fare attività con loro, ed iniziare a presentare l’ambiente dove potrebbero rimanere in modo stabile. Sarebbe uno strumento indispensabile per lavorare con loro.

Costo previsto per un furgone usato: circa Euro 10.000,00

2 – Costruzione di quattro stanze dentro il cortile della casa, dove i bambini possono rimanere a dormire, iniziando un percorso di reinserimento in un percorso scolare e di formazione professionale, camminando con il supporto di un educatore.

Costo previsto: circa Euro 7.000,00

3 – La tettoia sarebbe uno spazio dove poter fare i pasti, poter realizzare corsi (ad esempio formazione professionale) e attività nei momenti comunitari (riunioni, terapie di gruppo); luogo dove poter vivere momenti quotidiani. Costo previsto per la tettoia e la pavimentazione – circa Euro 8.000,00

Costo totale del progetto

€ 25.000,00

 

PROGETTO TEATRI DEL MONDO

Pubblichiamo qui il diario di bordo di Oberdan Cesanelli, un artista di teatro che insieme a ad altri sei compagni ha realizzato un interessante progetto teatrale tra questi bambini di strada; e una breve relazione di Tommaso Lombardi all’associazione Aloe Onlus promotrice del progetto in questione.

 

GALLERIA FOTOGRAFICA

 

RASSEGNA STAMPA
    Pubblichiamo qui un testo apparso sulla rivista Missioni Consolata del Dicembre 2012, a firma di Paolo Moiola, un giornalista che ha trascorso qualche giorno con i nostri amici e ne ha tratto un bellissimo dossier sulla loro esperienza missionaria e di coppia

Stimolare alla ,lettura in Amazzonia: l’esperienza di Ler para Crescer

Progetto Barca-Biblioteca lungo i fiumi dell’Amazzonia

 

 

VIDEO

Ler para crescer – storia di un’avventura con i bambini di strada a Manaus

La biblioteca sul fiume

Passione Amazzonica 2: Tommaso ed Elaine a Fermo

Projecto Ler para crescer di Julieta Camara, reporter di una TV di Manaus

 

 

 

 

Condividi